Connettiti con Facebook

ALCUNI PROBLEMI COMUNI


Perdita della lana
Nel tempo tutti i tappeti lavorati con la lana ne perdono piccole quantità. I tappeti annodati a mano perdono comunque meno lana di quelli Handtuft

Fili di lana
Nei tappeti anodati  è molto comune trovare dei piccoli fili  di lana che escono dal vello. Facendo attenzione è possibile toglierli con il taglio di una semplice forbice

Piccole pieghe
Dopo aver steso il tappeto è necessario attendere due o tre settimane prima che abbia perso completamente qualche piccola piega.  A volte è sufficiente riavvolgere il tappeto nel verso contrario a come era precedentemente arrotolato.

Effetto sbiadito
Spesso i tappeti che vengono posti alla luce diretta del sole possono creare un effetto temporaneo di porzioni sbiadite. In questi casi è bene ruotare il tappeto e se possibile creare sempre una barriera ai raggi diretti del sole. Con questi semplici accorgimenti il tappeto tornerà nel breve come era in origine.

Il forte utilizzo
Se il tappeto è posto in luogo molto frequentato, e quindi calpestato, per mantenerne l’integrità in tutte le sue parti è bene ruotarlo nell’ambiente almeno ogni 3/4 mesi.

L’odore
Quando il tappeto viene rimosso dal sacchetto in cui era contenuto spesso necessità di circa una settimana di tempo perchè possa perdere l’odore caratteristico del prodotto che per lungo tempo è stato privato dell’aria.


CURARE IL PROPRIO TAPPETO


Qui di seguito vi daremo alcuni consigli per come curare e manetenere integro nel tempo il vostro tappeto

L’aspirazione
La Pulizia con l'aspirapolvere può essere effettuata una volta alla settimana nel senso del vello. Si può facilmente capire in quale direzione è rivolto il vello passando la mano lungo il tappeto. Se il vello è morbido, si sta procedendo in direzione del vello, se è ruvido e si solleva, si sta effettuando un movimento in senso contrario. La cosa importante da ricordare è di sollevare l'aspirapolvere dopo ciascun movimento, in modo da non passarlo avanti e indietro! Prestare inoltre attenzione alle frange, assicurandosi che non vengano aspirate dal becco.
Occorre evitare di battere i tappeti, in quanto vi è il rischio di rovinare i nodi.


Piccoli inconvenienti quotidiani
Quando si versa un liquido sul tappeto è importante evitare che questo venga assorbito dalla lana del tappeto. Non si deve strofinare perché il rischio è di mandare ancora più in profondità la macchia. Cercare di asciugare il liquido con un panno bianco pulito. Il panno farà da assorbente.
Se necessario diluire la macchia con acqua fredda ed aggiungere una piccolissima quantità di detersivo per piatti.  E’ comunque bene essere dotati anche di uno Smacchiatore delicato che possa rimuovere eventuali residui di macchia. Al termine ripristinare il senso del vello con una spazzola per abiti e se indispensabile asciugare l’area bagnata con un ventilatore o asciugacapelli.
Quando le macchie sono importanti e difficili da togliere è necessario rivolgersi a struttture professionali.


Segni profondi nel tappeto
Qualora il tappeto dovesse presentare segni profondi o altri tipi di segno dovuti ad un mobile o simili è possibile eliminarli facilmente. Iniziare sciacquando un panno in acqua fredda e stenderlo sull'area che presenta i segni. Prendere poi un ferro da stiro e passarlo sul panno un paio di volte, nel senso del vello. Se così facendo il segno non è ancora scomparso, si può ripetere l'operazione.


INTERVENTI MIRATI DI PULIZIA

Tappeti sintetici - polipropilene / nylon:
•     Eliminare la macchia con un panno asciutto di cotone bianco o un tovagliolo di carta.
•     Raschiare via cibo o residui con un cucchiaio.
•     Mescolare una piccola quantità di detersivo per piatti con una tazza di acqua fredda.
•     Effettuare tamponamenti asciutti con un asciugamano.
•     Smacchiatore delicato può essere utilizzato per rimuovere il grasso e lo sporco più ostinato.


Tappeti in lana:
•     Eliminare la macchia con un panno asciutto di cotone bianco o un tovagliolo di carta.
•     Raschiare via cibo o residui con un cucchiaio.
•     Mescolare una piccola quantità di detersivo per piatti con una tazza di acqua fredda.
•     Con pulito mix spugna e sapone, rimuovere delicatamente resto della macchia.         Evitare l'uso eccessivo di acqua.
•     Effettuare tamponamenti asciutti con un asciugamano.
•     I tappeti di lana sono più soggetti alla perdita di colorazione se l’intervento è troppo forte
    e quindi in molti casi è meglio rivolgersi a strutture professionali.

Tappeti in fibra naturale - Juta / canapa / cocco / :
•     Tappeti in fibra naturale hanno spesso fili che escono dal vello e nodi a volte aperti.    
•     Per questo l’aspirazione deve avvenire in modo delicato e da più angolazioni.
•     Se si notano fili sciolti è bene non tirarli ma devono essere tagliati con un paio di forbici per evirtare di creare danni al tappeto.
•     Nel caso di macchie liquide queste devono essere tamponate ed assorbite  con un panno     pulito e non colorato praticando un movimento dall’esterno verso il centro della macchia.     Asciugare delicatamente.
•     Nel caso di macchie resistenti non far lavare asecco ma rivolgersi a servizi professionali.

Tappeti Shaggy:
•     Per togliere la polvere senza tirare i fili del tappeto è bene utilizzare un’aspirtapolvere con il rullo battitore
•     Eliminare la macchia con un panno asciutto di cotone bianco o un tovagliolo di carta.
•     Raschiare via cibo o residui con un cucchiaio.
•     Mescolare una piccola quantità di detersivo per piatti con una tazza di acqua fredda.
•     Effettuare tamponamenti asciutti con un asciugamano.
•     Smacchiatore delicato può essere utilizzato per rimuovere il grasso e lo sporco più ostinato.

Tappeti da esterno:
•     Eliminare la macchia con un panno asciutto di cotone bianco o un tovagliolo di carta.
•     Raschiare via cibo o residui con un cucchiaio.
•     Mescolare una piccola quantità di detersivo per piatti con una tazza di acqua fredda.
•     Con pulito mix spugna e sapone, rimuovere delicatamente resto della macchia.     
•    Lasciare lungo tempo all’aria aperta per l’asciugatura
•     In taluni casi, spazio permettendo,  effettuare  pulizia a spruzzo
    con la miscela di acqua e sapone


I CONSIGLI NATURALI

Innanzitutto, vediamo quali sono i prodotti imprescindibili  per la manutenzione dei tappeti:

Aceto Bianco:
ravviva i colori, igienizza, neutralizza i cattivi odori e combatte gli acari e germi nascosti nei tappeti;
Olio di eucalipto:
ottimo perché smacchia, profuma e igienizza, se non lo trovate potete usare dell'olio di limone, tea tree o cedro.
Sapone di Marsiglia:
per togliere diverse macchie, basta passare e risciacquare.
Bicarbonato:
per togliere certe macchie, neutralizzare dei cattivi odori e igienizzare il tappeto.
Amido (o talco, o gesso):
per togliere le macchie grasse
Aspirapolvere:
per togliere la polvere prima delle pulizie.
Spazzola/Scopa Morbida:
per applicare certi prodotti sulle superfici più delicate.


Come realizzare in casa una pulizia secco del tappeto:
Spargere del bicarbonato su tutto il tappeto e dopo 15 minuti basta aspirarlo bene, cosi si tolgono grasso, acari e sporcizia.

Come realizzare in casa una pulizia profonda del tappeto:
Per iniziare aspirate bene il tappeto. Quindi passare una soluzione fatta di 1 parte d'acqua e 2 d'aceto bianco e pochissimo detersivo per piatti sul tutto il tappeto con una scopa morbida.
Se il tappeto è pregiato passate la soluzione con una spazzola morbidissima (per esempio la spazzola di saggina). Meglio ancora se aggiungete 5 gocce di olio d'eucalipto nella soluzione, poiché quest'olio disinfetta, smacchia e profuma. Fatelo asciugare in un posto areato.
Se i tappeti non sono pregiati ed entrano in lavatrice, potete lavarli con detersivo liquido. Usate l'aceto al posto dell'ammorbidente per igienizzarli e preservare i colori. se non entrano in lavatrice possono essere lavati in terrazza o dentro della vasca da bagno con aceto+detersivo per piatti. Usate una spazzola non molto dura e lasciate asciugare all'aria aperta.

Come eliminare in casa alcune macchie:
L'olio di eucalipto toglie varie macchie del tappeto e una passata di sapone di marsiglia può togliere diverse macchie.
Se ci sono macchie di grasso, mettete sopra la zona interessata: dell'amido o del talco, oppure del gesso(ottimo per "succhiare" il grasso). Poi mettete sopra una carta assorbente e un peso, togliete dopo 30 minuti e poi per finire, lavate la zona con acqua e sapone di marsiglia oppure con detersivo per piatti.

Come eliminare l’odore di umidità:
Aceto+olio d'eucalipto per neutralizzare gli odori (se il tappeto è bianco inserite anche dell'acqua ossigenata da 30 o 40 V), poi quando la superficie sarà asciutta, spargete dell'amido, o del talco e aspirate il tappeto/moquette dopo 30 minuti di posa.


COME CONSERVARE IL TAPPETO

Il tappeto va riposto, in piedi, arrotolato, e mai in cantine o soffitte dove è elevato il rischio di attacco da insetti nocivi. Durante l’arrotolamento accertarsi che il tappeto sia ben asciutto e ricordarsi che il vello deve essere  rivolto all'interno. Si possono aggiungere delle palline di naftalina come ulteriore protezione. Una volta arrotolato lo si ferma con del nastro e lo si chiude in un sacchetto di nylon .